specialisti in otorinolaringoiatria a Bologna

L’otorinolaringoiatria a Bologna è la branca della medicina che si occupa del trattamento medico e chirurgico delle patologie di naso, gola, faringe, laringe, testa, collo e sebbene si tratti di ghiandole anche di tiroide e paratiroide.

Roncochirurgia a Bologna

Tra i trattamenti di chirurgia che possono essere eseguiti in otorinolaringoiatria a Bologna, di particolare rilevanza è la roncochirurgia: una serie di tecniche studiate per risolvere il problema del russamento. In concreto la scelta della tecnica da utilizzare dipende dalla causa e dalla singola problematica del paziente che porta al disturbo della respirazione che, a sua volta, porta al russamento. In seguito le principali tecniche che possono essere usate in base alla diversa origine del problema.

Ipertrofia dei turbinati e radiofrequenze

Se il problema del russamento deriva da ipertrofia dei turbinati inferiori, è possibile procedere con una riduzione dei turbinati attraverso l’uso di radiofrequenze. Questo intervento è particolarmente adatto nel caso in cui non vi siano deviazioni del setto nasale.
L’ipertrofia dei turbinati comporta diverse problematiche e non solo il russamento in quanto aumenta la produzione di muco e catarro, vi sono frequenti mal di testa, apnee notturne, sinusiti, diminuzione della capacità uditiva. Proprio per questo è auspicabile l’intervento. L’uso della radiofrequenza per questo intervento porta ad una vaporizzazione dei turbinati attraverso l’uso di un manipolo con due aghi attraverso i quali le onde radio arrivano al tessuto.

L’intervento dura pochi minuti e se necessario è possibile limare con laser CO2 eventuali speroni cartilaginei del setto nasale. Questa tecnica viene eseguita con un leggero anestetico locale, non comporta la necessità di usare tamponi nasali e il paziente può riprendere in breve tempo le normali attività.

Chirurgia del setto nasale a Bologna

specialisti in otorinolaringoiatria a BolognaSe vi è una deviazione del setto nasale è possibile che il russamento origini da un difficoltà dell’aria di passare nella narice, oppure può esservi un’ostruzione nasale. Tale patologia comporta diversi disturbi nella respirazione e non solo il russamento.
L’intervento viene eseguito tramite le fosse nasali, nella maggior parte dei casi in anestesia locale.

E’ piuttosto semplice: il chirurgo procede prima a separare con un’incisione la mucosa dalla cartilagine e dall’osso sottostante. In seguito saranno rimosse e riposizionate le sezioni di cartilagine ed ossee deviate, a questo punto viene ricollocata la mucosa.
La fase post operatoria è abbastanza agevole e al paziente vengono prescritti antidolorifici per superare le prime fasi e antibiotico per scongiurare il sopravvenire di infezioni. Vi è anche un miglioramento estetico.

Russamento e lifting palatale

L’ultima tipologia di intervento per il russamento viene posta in essere nel caso in cui lo stesso sia generato da un’eccessiva vibrazione del palato. Questa tecnica di roncochirurgia non prevede asportazione di tessuto, ma il sollevamento del palato molle e il suo ancoraggio attraverso fili riassorbibili alla spina nasale posteriore e agli uncini pterigoidei. Uno dei vantaggi di questo intervento è la reversibilità e quindi la possibilità di tornare alla posizione precedente all’intervento. L’intervento, oltre ad irrigidire il palato producendo minori vibrazioni, comporta anche un allargamento delle vie aeree. Il paziente dopo l’esecuzione del lifting palatale potrà tornare in breve tempo alla vita normale e già il giorno seguente potrà mangiare normalmente.

Analisi delle quotazioni oro

Gli effetti della crisi hanno spinto sempre più persone a fare cassa cedendo i propri metalli preziosi, talvolta ad un prezzo poco congruo. Sono numerosissimi gli sportelli dei compro oro comparsi nelle nostre città, per affari ghiotti, vista la continua crescita della quotazione oro negli ultimi anni.

Crescita questa che ha fatto registrare dei veri e propri record nelle valutazioni. L’oro è per antonomasia il principale bene rifugio il cui valore di riferimento – al grammo o all’oncia – è fissato dalla Borsa di Londra due volte al giorno (anche noto come fixing dell’oro). La quotazione oro è stabilita sulla base principalmente del numero di scambi di metallo effettuati tra gli operatori di Borsa e dalle quantità coinvolte nelle transazioni.

la crescita record dei compro oro
Cosa interviene nella quotazione oro eseguita dal compro oro

In genere l’oro in possesso dei comuni cittadini è di gioielleria. Ciò significa che non è puro dato che non sarebbe lavorabile, ma è in lega con altri metalli più duri come il rame, l’argento, il nichel o palladio: in funzione del metallo aggiunto varia il colore della lega, generando così l’oro giallo, l’oro bianco, l’oro verde, l’oro rosso e via discorrendo.

Per una corretta quotazione oro è indispensabile allora valutarne la purezza: è misurata in carati con una scala che fissa in 24 carati l’oro puro ed in 18 carati il miglior oro utilizzato in gioielleria.

E’ semplice identificare i carati dei nostri gioielli dato che la legge italiana impone la presenza, su ogni manufatto, di un punzone che la dichiari, oltre ad altre informazioni come il titolo dell’oro ovvero la quantità di metallo puro rispetto alla lega. L’oro 18 carati garantisce la più alta quotazione oro possibile.

Consigli per una regolare compravendita

Le notizie di cronaca degli ultimi anni ci insegnano che truffe e raggiri sono sempre dietro l’angolo, specie per i meno informati. Ecco un elenco di consigli per evitarle ed assicurarsi una congrua quotazione dell’oro.

  • Quotazione: informarsi sulla reale quotazione oro di mercato, in modo da poter verificare il prezzo applicato dall’esercente. Fate attenzione alla purezza del vostro oro: in genere è esposto il prezzo pagato per l’oro puro di 24 carati, per attirare una maggiore clientela. La quotazione dell’oro di 18 carati è almeno il 20% più bassa;
  • Purezza e peso: una volta determinati i carati dall’apposita punzonatura, pesate a casa i metalli che volete vendere. Talvolta la bilance di precisione degli esercenti sono alterate in maniera da alleggerire i metalli pesati. Questo stratagemma, ottenuto per mezzo di svariate tecniche, influenzerà molto il preventivo di vendita. La quotazione oro che compone il preventivo di acquisto è calcolata come il prodotto dei grammi di oro effettivi per il prezzo unitario offerto.
  • Documenti: In caso di accettazione della valutazione dei vostri preziosi, il negoziante deve innanzitutto esigere i documenti del cliente. Questo perché l’oro acquistato deve essere tracciabile al fine di scongiurare il proliferare di attività illecite come ricettazione e riciclaggio, infatti l’oro presentato in negozio potrebbe essere il provento di una rapina. In secondo luogo deve redigere una ricevuta dettagliata con i dati del venditore, le informazioni della merce, la quotazione oro e l’importo della compravendita nonché le modalità di pagamento.
climatizzatori quadro

I climatizzatori, comparsi nelle nostre case in tempi relativamente recenti, ci hanno cambiato la vita!

Grazie a loro ci evitiamo sudate epocali e non trascorriamo le notti estive a rigirarci nel letto sognando un temporale.
Ecco un elenco delle principali tipologie di cui tenere conto prima di acquistare un climatizzatore e orientarsi nella giungla delle proposte.

Fissi e portatili

climatizzatori quadroLa prima distinzione da prendere in considerazione è tra modelli fissati alla parete e portatili.
I primi che a loro volta si distinguono in monoblocco o split, vale a dire a più unità, sono maggiomente costosi perché richiedono l’installazione di un impianto ad hoc ma rinfrescano di più, i secondi con una capacità ridotta hanno però il vantaggio di essere spostabili.
Negli ultimi anni è di gran moda il climatizzatore quadro, un particolare tipo di dispositivo che si presenta come un quadro fissato al muro e ha il valore aggiunto di essere esteticamente molto gradevole.
In particolare i modelli Art Cool della LG consentono di scegliere l’immagine che si preferisce e di inserire anche una foto personale.

Tecnologia inverter e risparmio energetico

Grazie a questa funzionalità il compressore si regola autonomamente in funzione della temperatura esterna, consentendo così un netto risparmio energetico perché viene mantenuta una temperatura costante, minimizzando il consumo e massimizzando l’efficienza del prodotto.
Nei prodotti LG è presente la modalità Energy Saving che consente di monitorare attivamente la temperatura attraverso un pulsante sia sul telecomando che direttamente sul dispositivo, in questo modo si limita la potenza del compressore risparmiando energia fino al 60 per cento.
In pratica il climatizzatore rinfresca subito in modo immediato e una volta raggiunti i gradi voluti si mantengono costanti, risparmiando in potenza.

Sistemi filtranti

Nel climatizzatore circola aria e quindi in esso transitano un gran numero di batteri e impurità, per questo è essenziale che sia dotato di buoni filtri.
Il rischio che questi dispositivi divengano veicolo di germi e cattivi odori infatti è sempre in agguato, per questo quasi tutti i climatizzatori di nuova generazione hanno filtri che trattengono polveri e pollini.
LG oltre a proporre la funzione Autoclean che eliminando l’umidità dallo scambiatore di calore riduce di parecchio il rischio di sporcizia, ha dotato i suoi prodotti della funzione ionizzatrice Plasmaster che, liberando nell’aria una grossa quantità di ioni attivi, rimuove le particelle nocive purificando l’aria.

Rumore

I condizionatori di vecchia generazione avevano il grosso svantaggio di essere molto rumorosi, per questo oggi le aziende produttrici prestano molta attenzione ad immettere sul mercato prodotti che siano il più silenziosi possibile.
La modalità sleep consente di abbassare la potenza del dispositivo di notte e la funzione timer di programmare l’accensione solo negli orari di effettivo utilizzo, ad esempio, mentre si dorme. In particolare nei modelli LG il rumore è davvero ridotto al minimo. La casa di produzione ha curato molto questo aspetto introducendo la funzione Silent mode con compressori a bassissima vibrazione.

Sistemi di autodiagnosi e anticorrosione

Grazie all’autodiagnosi, il sistema in base al quale il prodotto segnala eventuali anomalie si risparmia molto tempo indirizzando l’intervento tecnico dove serve.
I sistemi anticorrosione, come quello Gold Fin di LG, applicati sullo scambiatore di calore poi lo rendono più durevole e resistente agli attacchi del tempo.