colpo-di-frusta-

Si parla di trauma distorsivo cervicale, ovvero di colpo di frusta, quando si ravvisano i sintomi a esso legati in seguito a un infortunio stradale, o per lo meno questa è la condizione più frequente in cui il trauma si verifica. Non si tratta di un trauma grave, nella maggior parte dei casi, ma che comunque necessita di cure adeguate e di un periodo di riposo e fisioterapia.

Trauma distorsivo cervicale, di cosa si tratta

Il trauma distorsivo cervicale viene definito in medicina come il trasferimento di energia con un meccanismo di accelerazione e decelerazione che va a carico del collo. Da qui possono derivare danni alle strutture ossee o ai tessuti molli, sviluppando quindi differenti manifestazioni cliniche. Questo meccanismo, solitamente, si verifica in seguito a un sinistro stradale, soprattutto a un tamponamento.

In questa circostanza, infatti, il collo subisce un movimento brusco, dato che è la parte più mobile del rachide, va quindi in iperestensione nella prima fase del movimento e successivamente viene iperflesso. Questo comporta la comparsa di diversi tipi di lesione che sono la conseguenza diretta del superamento dei limiti di elasticità di tutti i tessuti interessati dal movimento.

La diagnosi del trauma distorsivo cervicale

La diagnosi di questa tipologia di trauma deve essere fatta da un medico, solitamente il medico del pronto soccorso, quando un paziente lamenti dolore localizzato in quella porzione di rachide che viene definita regione cervicale. I sintomi più comuni sono appunto dolore alla cervicale, irrigidimento muscolare, dolore che si irradia alle spalle, movimenti del collo limitati, cefalee, nausea, parestesie agli arti superiori, a seconda della gravità del trauma possono cambiare i sintomi.

colpo-di-frusta2Normalmente, per la diagnosi, oltre all’esame obbiettivo, viene effettuata una radiografia della colonna in due proiezioni, in modo da poter identificare il dente dell’epistrofeo. Se non vi è danno delle vertebre cervicali, quindi, si può parlare di colpo di frusta nel caso in cui non vengano rilevati segni radiologici di un danno delle vertebre cervicali o di lesione articolare.

Persistenza a lungo termine dei sintomi

Purtroppo alcune volte capita di rilevare una persistenza cronica dei sintomi. Questi sono correlati alla gravità della distorsione cervicale riportata e ad alcuni dei fattori pregressi indipendentemente dal trauma, come una cefalea abituale, artrosi ecc.

La riabilitazione

Per quanto riguarda la riabilitazione, la cosa essenziale è lavorare sulla muscolatura del collo. Questa, infatti, in seguito al trauma risulta contratta. Si tratta di un meccanismo di difesa che attua il nostro organismo in modo da modificare la curvatura naturale del rachide, in questo modo si va a perdere la lordosi fisiologica. Si applica quindi un collare rigido che va scelto in base all’entità del danno, per un periodo di tempo che varia anch’esso in base al danno subito. Si prescrivono quindi dei farmaci miorilassanti e in seguito si procede con delle applicazioni di fisioterapia. Si consiglia un materasso rigido senza uso del cuscino per i primi giorni.

cataratta

Cos’è la cataratta.

La cataratta è una patologia che solitamente interessa soggetti che hanno oltre 60 anni. Comporta l’opacizzazione della lente che si ha all’interno dell’occhio, impedendo a questa di mettere a fuoco ciò che guarda.

Dopo i 40 anni, il cristallino pian piano si indurisce e inizia perdere di elasticità, man mano che si va avanti con l’età diventa sempre più opaco, ecco che si parla di cataratta. Questa purtroppo comporta in buona parte la perdita della vista, in alcuni casi dove il problema è molto avanzato,si può arrivare anche alla cecità.

Per i tuoi esami cerca l’IGOR Point più vicino, gli unici che possono darti la refertazione oculistica online 

Come si manifesta.

intervento catarattaLa cataratta si manifesta lentamente senza causare nessun tipo di dolore. Non sempre si presenta subito in entrambi gli occhi, ma il secondo viene interessato in seguito.
Il disturbo visivo della cataratta all’inizio è una sensazione di fastidio nel mettere a fuoco oggetti se sono sotto delle luci intense.
La vivacità dei colori perde di intensità e qualche volta si ha difficoltà proprio a distinguere questi.

In giovane età.

Anche se più difficile, purtroppo la cataratta può colpire l’età più giovane. Questa malattia però, si presenta quando di fondo esistono altre problematiche metaboliche quali: diabete.

Le probabilità infatti, che un problema come il diabete possa causare l’insorgere della cataratta, purtroppo è molto alta, inoltre in questi casi il problema si presenta subito in entrambi gli occhi.

la cataratta può essere causata non solo dal diabete purtroppo, ma anche da altre patologie che già riguardano il problema oculare, come ad esempio il distacco della retina o il glaucoma.

Come si cura.

Non esiste nessuna cura farmacologica che possa far guarire dalla cataratta. L’unica soluzione, quando la salute generale del paziente lo permette, è l’intervento chirurgico. Quello tradizionale, prevede un anestesia locale eseguita tramite iniezioni, un taglio di circa dieci millimetri, l’asportazione del cristallino e qualche punto di sutura.

La durata dell’intervento chirurgico della cataratta è di circa quaranta minuti, inoltre prevede la degenza del paziente di un paio di giorni in ospedale.

Un altro metodo più recente è la mirco-chirurgia, si esegue direttamente in ambulatorio, anestetizzando l’occhio con qualche goccia di collirio, una piccola incisione di circa quattro millimetri e la sostituzione del cristallino opacizzato con uno artificiale.

La durata di questo intervento dura circa 15 minuti e ha il vantaggio di garantire un recupero immediato della vista.
Quando entrambi gli occhi necessitano dell’operazione, gli interventi vengono distanziati di circa 15 giorni l’uno dall’altro.

Quali sono i rischi.

Nonostante sia un operazione molto celere, esiste se pur raramente, la possibilità che possano sorgere delle complicazioni che potrebbero compromettere la vista addirittura in modo permanente.

I rischi post operatori, anch’essi molto rari, possono presentarsi se causati da infiammazione o infezione. Per tale motivo è fondamentale affidarsi a medici altamente qualificati.

morso di ragno

Il morso di ragno è un evento abbastanza comune ed è dovuto ai cosiddetti ragni domestici, cioè quelli innocui che normalmente possiamo trovare nelle nostre case, specialmente in campagna. Vi sono però anche dei ragni che possono risultare pericolosi per la nostra salute e il cui morso non dev’essere sottovalutato.

Riconoscere il morso del ragno

Il morso del ragno provoca generalmente due forellini sulla pelle, molto ravvicinati tra loro, che sono praticamente i segni dei denti, anche se spesso a causare le punture possono essere stati anche altri tipi di insetti.

I sintomi

Come detto, la puntura del ragno comune provoca dei sintomi localizzati che tendono a scomparire presto.

  • Prurito
  • arrossamento della zona colpita
  • formicolio localizzato

sono i sintomi più comuni, curabili con dei normali medicinali da banco o anche con dei rimedi naturali.

Se invece il morso deriva da ragni velenosi, come la vedova nera, il ragno violino o la malmignatta, il consiglio è di recarsi subito al pronto soccorso più vicino, in quanto il rischio per la nostra salute è molto alto.

In questi casi possiamo avere:

  • degli spasmi e crampi muscolari
  • dolore molto forte
  • difficoltà respiratorie

Si tratta di sintomi dovuti al veleno neurotossico della vedova nera.

Nel caso di veleno necrotossico (ragno violino e malmignatta) avremo invece:

  • stati di nausea e vomito
  • febbre e dolori muscolari
  • ulcere necrotiche che possono avere anche un diametro di 20cm

ma si possono avere anche delle insufficienze renali che possono essere letali.

Tra i ragni velenosi viene messa anche la tarantola, che però può provocare effetti gravi se si è allergici suo veleno, quindi uno shock anafilattico che richiede un tempestivo intervento medico.

I rimedi

Per quanto riguarda il morso dei ragni velenosi, come già accennato, è indispensabile rivolgersi subito al pronto soccorso, cercando di riconoscere il tipo di ragno che ci ha morso, anche se può essere un compito molto arduo vista la dimensione di alcuni di essi. In questo caso, se il morso è stato fatto su uno degli arti, cercare di tenerlo più in alto possibile. Il medico cercherà di somministrare il giusto antidoto e altri medicinali per contrastare gli eventuali effetti da spasmo muscolare.

morso ragnoSe invece siamo stati punti da un ragno comune innanzi tutto lavare la ferita con abbondante acqua fredda e magari fare delle applicazioni di ghiaccio per contrastare l’infiammazione attorno alla parte colpita.

Possiamo poi applicare dei rimedi naturali come impacchi di bicarbonato da lasciare agire per circa una mezz’oretta. Questi tipi di morsi non sono particolarmente dolorosi e non hanno generalmente bisogno di altre particolari attenzioni, ma il tutto è soggettivo e ognuno di noi reagisce in modo differente. Quindi possiamo anche aiutarci con dei farmaci, come il paracetamolo, se il dolore diventa più intenso.

Vi sono anche delle creme antistaminiche e a base di cortisone se l’infiammazione è più forte del normale e se il prurito diventa insopportabile. Inoltre vi è anche la possibilità che la ferita si infetti e quindi sarebbe opportuno utilizzare anche un antibiotico dopo un’accurata disinfezione. Naturalmente nel caso in cui i sintomi risultino più forti (anche delle linee di febbre) è sempre bene rivolgersi ad un medico e non prendere dei medicinali fai da te.

A cosa serve un’assicurazione sulla salute e come si stipula.

Come è noto, in Italia il Servizio Sanitario Nazionale garantisce gratuitamente tutte le prestazioni necessarie a mantenere ogni individuo che si trova sul territorio nazionale in buona salute.

A differenza di quanto accade in America, nel nostro Paese l’assicurazione sulla salute non è obbligatoria, ma è un valido strumento di integrazione dei servizi sanitari offerti dallo Stato.

Questo tipo di polizza garantisce di ottenere un rimborso delle spese affrontate presso le strutture sanitarie private.

A seconda del tipo di polizza sottoscritta, il rimborso potrà essere totale o parziale, oppure ancora estendere la copertura assicurativa ai casi più gravi, come la perdita della capacità lavorativa e l’invalidità permanente.

L’assicurazione sanitaria non è sempre stipulabile, esistono determinate patologie e tipologie di soggetti che non possono godere di una copertura assicurativa (ad esempio, pazienti affetti da AIDS, problemi psichiatrici o di droga).

La polizza sanitaria può essere di due generi: quella indennitaria e quella a rimborso.

La prima garantisce l’erogazione di una indennità giornaliera per ogni giorno di ricovero, la seconda, invece, offre un rimborso per tutte le spese sanitarie sostenute.

In questo ambito si possono distinguere due casi: se la struttura sanitaria ha una convenzione diretta con l’assicurazione allora quest’ultima si farà direttamente carico delle parcelle del paziente, altrimenti il paziente dovrà prima pagare di tasca sua tutte le spese e poi, presentando la dovuta documentazione, riceverà il rimborso da parte della compagnia assicurativa.

Alcune compagnie assicurative permettono di far rientrare nella copertura anche il parto, ma solo in determinate circostanze e in certe situazioni.

Ecco perché, come in tutti gli altri casi in cui si decida di sottoscrivere una polizza, è sempre buona norma leggere interamente il testo e soprattutto le clausole.

Bisogna stare attenti anche al fatto che alcune assicurazioni non possono essere più sottoscritte dopo un certo limite di età, mentre fra gli altri limiti più comunemente riscontrati, ci sono anche gli infortuni causati da particolari attività sportive e infortuni accaduti al di fuori del territorio nazionale.

Per chi viaggia molto nel corso dell’anno, sono state ideate della polizze-salute-viaggi che a volte vengono proposte dalle agenzie di viaggio all’atto di prenotarne uno.

dormhouse-permaflex-dormire

Per un buon riposo notturno bisogna affidarsi al marchio Permaflex, il migliore per eccellenza nella realizzazione di materassi ma anche di reti e guanciali.

Uno dei migliori centri esclusivisti Permaflex è situato a Formia (LT) e Fondi (LT) ed è DormHouse, il miglior negozio dove poter affidare il proprio sonno al 100%. All’interno del negozio troverete tutto il necessario per il vostro riposo notturno, materassi, reti, guanciali ed infine i letti Permaflex.

I migliori materassi di sempre solo marchiati Permaflex

Il materasso è uno dei prodotti fondamentali che ci fa recuperare energie, ma per fa sì che questo accada deve essere confortevole e comodo, con il marchio Permaflex tutto questo è assicurato.

Ogni linea che ha creato la Permaflex ha delle caratteristiche ben precise e diverse dagli altri materassi, partendo dai materassi tradizionali realizzati con lattice naturale per poi arrivare ai materassi innovativi realizzati in Memory Foam, concludendo con i materassi a molle ortopedici. Nonostante ogni materasso ha delle proprietà specifiche i materiali scelti per la realizzazione sono di prima qualità e soprattutto resistenti nel tempo.

Reti Permaflex: resistenza e stabilità in un solo prodotto

Una buona base letto fa sì che le proprietà del materasso vengano valorizzate ma che soprattutto non si ricorra a problemi di schiena. La Permaflex ha creato varie linee di reti sia per letti matrimoniali e singoli, le reti possono essere: a doghe, elettriche ed ortopediche.

Uno dei modelli più innovativi sono certamente le reti elettriche che grazie ad un sistema motorizzato e ad un apposito telecomando si può regolare l’inclinazione della parte superiore ed inferiore della rete, in questo modo potrete scegliere la posizione più comoda che fa per voi.

Poggia il tuo capo sui guanciali Permaflex

Per avere un appoggio del capo corretto ed eliminare i problemi di cervicale basta affidarsi ad i guanciali Permaflex. Ogni guanciale viene studiato e creato per garantire un appoggio corretto a tutti i consumatori ma allo stesso tempo non tralascia di certo l’aspetto estetico.

La Permaflex pensa proprio a tutti anche ai più piccoli con la creazione del guanciale Baby realizzato con imbottitura anallergica e morbida.

Dormi bene grazie ai prodotti di DormHouse Formia e Fondi

Trovare i prodotti Permaflex nella zona di Formia e Fondi non è più un problema grazie a DormHouse noto rivenditore esclusivista. Tutto ciò di cui avrete bisogno per il vostro riposo notturno lo troverete all’interno del negozio. I negozi si trovano vicino a città come: Gaeta (LT), Sperlonga (LT), Minturno (LT), Lenola (LT), Monte San Biagio (LT), Itri (LT), Sessa Aurunca (CE), Mondragone (CE).

In inverno gli integratori multivitaminici sono un prezioso aiuto per cercare di non ammalarsi rinforzando le difese immunitarie. Perché l’alimentazione da sola non basta? Oggi gran parte della frutta e della verdura in vendita sui banchi del supermercato è di importazione dall’estero: nel tragitto questi prodotti naturali perdono inevitabilmente un’alta percentuale di vitamine e nutrienti naturali. Come rimediare?

Ci sono alcune sostanze che si possono trovare nei migliori integratori multivitaminici per il cambio di stagione invernale. Una di queste è la spirulina: si tratta di una microalga di colore verde-azzurro che si trova nei mari tropicali e che aiuta l’organismo ad eliminare le tossine fornendo antiossidanti e tonificando l’intero sistema immunitario. L’azione di antinvecchiamento cellulare la rende un prezioso alleato per affrontare le temperature rigide dell’inverno. Se volete evitare di avere mani e labbra screpolate quando vi esponete al freddo, assumere un integratore vitaminico a base di spirulina è sicuramente utile.

Un altro ingrediente ricorrente negli integratori naturali per l’inverno è la pianta del Noni. Gli effetti benefici di questo prodotto erano noti alle popolazioni tropicali già nei tempi antichi. Oggi le case produttrici di integratori di vitamine ne sfruttano le potenzialità antidolorifiche e stimolanti per l’organismo ma, soprattutto, per il sistema immunitario, messo duramente alla prova dai primi freddi. Il silicio apporta un aiuto concreto alle ossa e alle articolazioni e serve a combattere problemi di artrite. Infine la vitamina C e la vitamina D3 servono a potenziare le difese immunitarie anche quando si hanno meno occasioni per esporsi ai raggi solari.

Ovviamente lo stile di vita ideale per l’inverno richiede di abbinare l’assunzione di integratori alimentari ad una alimentazione equilibrata e ad una costante attività sportiva. Bisogna da ultimo ricordare che non tutti gli integratori vitaminici sono uguali: la qualità è fondamentale per evitare di acquistare prodotti inutili o addirittura dannosi.

GUNA è un’azienda che si occupa di medicina alternativa, farmaci, integratori e prodotti omeopatici. Il suo impegno da anni si concentra sulle terapie d’avanguardia, che si basano sui principi delle cure naturali, con farmaci e integratori composti soltanto da sostanze del tutto genuine e senza l’aggiunta di composti chimici.

La ricerca condotta negli ultimi anni, anche presso i Laboratori GUNA che promuovono le bio tecnologie e il basso dosaggio, permettono di curare diverse patologie in modo innovativo ma basandosi su antichi principi omeopatici, che valgono anche ai giorni nostri. Il principio è chiamato “Low Dose Medicine” e si fonda sul rispetto per la salute dell’uomo, che deve essere in armonia con l’intero panorama naturale.

Read More →

intervento di mastoplastica riduttiva effettuato nella clinica di Torino

Mastoplastica riduttiva cos’è?

 

La mastoplastica riduttiva è un’intervento chirurgico che permette di modificare le forme del proprio seno.

La mastoplastica riduttiva è particolarmente indicata per tutte le donne con un seno troppo abbondante e cascante, e per coloro che presentano un asimmetria mammaria.

In quest’articolo voglio raccontarvi i vari passaggi a cui mi sono sottoposta nel mio intervento di mastoplastica riduttiva nella città di Torino. Read More →

Soecialista di MAstopessi con studio a Firenze

Vi chiedete perché ho scelto Firenze per il mio intervento di mastopessi?

Ecco tutte le risposte che riguardano e motivano la mia scelta.

 

Uno specialista di mastopessi a Firenze

 

Come prima cosa, ho scelto la mastopessi offerta a Firenze in quanto ho potuto fare affidamento su Pietro Campione, ovvero uno dei migliori chirurghi presenti nella città, il quale mi ha permesso di poter entrare in un mondo dove la paura risulta essere assente.

Il primo colloquio è stato molto istruttivo, visto che il medico mi ha spiegato in cosa consiste questa particolare tipologia di intervento, cosa che mi ha permesso di comprendere quali fossero i dettagli sul determinato intervento.

Ma ovviamente, questo particolare dettaglio non è il solo che mi ha permesso di effettuare la scelta della città di Firenze per quanto riguarda l’intervento di mastopessi.

Effettuare un intervento di Mastopessi a Firenze

Il sito del chirurgo estetico di Firenze

 

Il sito web del dottor Campione, suggerito dallo stesso chirurgo, mi ha permesso di poter essere maggiormente sicura.

Questo per un semplice fatto: sulla piattaforma sono stati spiegati tutti i procedimenti, con tanto di foto e video, che riguardano tale intervento.

Ovviamente, con questo aiuto, sono riuscita ad essere maggiormente sicura del tipo di medico al quale rivolgermi.

Inoltre, posso aggiungere che, nella piattaforma, sono presenti anche le opinioni degli altri clienti, che mi hanno convinta maggiormente, visto che il sito stesso mi ha permesso di conoscere le impressioni delle altre persone, che sul dottor Campione sono state sempre positive e semplici da capire.

Ecco perché ho scelto questo particolare medico e la città di Firenze: inoltre, devono aggiungere che la mastopessi è stata effettuata da un medico veramente esperto, il quale ha operato seguendo tutte le norme di precauzione ed ha evitato che io potessi andare incontro a delle situazioni tutt’altro che semplici da affrontare.

Il centro estetico di Firenze ha rappresentato la miglior scelta che io potessi fare e, ancora oggi, posso dire di essere felice di essermi rivolta a questo grande professionista.

Inoltre, i prezzi proposti, risultano essere abbastanza modesti, altra motivazione che mi ha convinta a sottopormi ad un intervento di mastopessi nella città di Firenze, presso la clinica estetica del dottor Campione.