dormhouse-permaflex-dormire

Per un buon riposo notturno bisogna affidarsi al marchio Permaflex, il migliore per eccellenza nella realizzazione di materassi ma anche di reti e guanciali.

Uno dei migliori centri esclusivisti Permaflex è situato a Formia (LT) e Fondi (LT) ed è DormHouse, il miglior negozio dove poter affidare il proprio sonno al 100%. All’interno del negozio troverete tutto il necessario per il vostro riposo notturno, materassi, reti, guanciali ed infine i letti Permaflex.

I migliori materassi di sempre solo marchiati Permaflex

Il materasso è uno dei prodotti fondamentali che ci fa recuperare energie, ma per fa sì che questo accada deve essere confortevole e comodo, con il marchio Permaflex tutto questo è assicurato.

Ogni linea che ha creato la Permaflex ha delle caratteristiche ben precise e diverse dagli altri materassi, partendo dai materassi tradizionali realizzati con lattice naturale per poi arrivare ai materassi innovativi realizzati in Memory Foam, concludendo con i materassi a molle ortopedici. Nonostante ogni materasso ha delle proprietà specifiche i materiali scelti per la realizzazione sono di prima qualità e soprattutto resistenti nel tempo.

Reti Permaflex: resistenza e stabilità in un solo prodotto

Una buona base letto fa sì che le proprietà del materasso vengano valorizzate ma che soprattutto non si ricorra a problemi di schiena. La Permaflex ha creato varie linee di reti sia per letti matrimoniali e singoli, le reti possono essere: a doghe, elettriche ed ortopediche.

Uno dei modelli più innovativi sono certamente le reti elettriche che grazie ad un sistema motorizzato e ad un apposito telecomando si può regolare l’inclinazione della parte superiore ed inferiore della rete, in questo modo potrete scegliere la posizione più comoda che fa per voi.

Poggia il tuo capo sui guanciali Permaflex

Per avere un appoggio del capo corretto ed eliminare i problemi di cervicale basta affidarsi ad i guanciali Permaflex. Ogni guanciale viene studiato e creato per garantire un appoggio corretto a tutti i consumatori ma allo stesso tempo non tralascia di certo l’aspetto estetico.

La Permaflex pensa proprio a tutti anche ai più piccoli con la creazione del guanciale Baby realizzato con imbottitura anallergica e morbida.

Dormi bene grazie ai prodotti di DormHouse Formia e Fondi

Trovare i prodotti Permaflex nella zona di Formia e Fondi non è più un problema grazie a DormHouse noto rivenditore esclusivista. Tutto ciò di cui avrete bisogno per il vostro riposo notturno lo troverete all’interno del negozio. I negozi si trovano vicino a città come: Gaeta (LT), Sperlonga (LT), Minturno (LT), Lenola (LT), Monte San Biagio (LT), Itri (LT), Sessa Aurunca (CE), Mondragone (CE).

In inverno gli integratori multivitaminici sono un prezioso aiuto per cercare di non ammalarsi rinforzando le difese immunitarie. Perché l’alimentazione da sola non basta? Oggi gran parte della frutta e della verdura in vendita sui banchi del supermercato è di importazione dall’estero: nel tragitto questi prodotti naturali perdono inevitabilmente un’alta percentuale di vitamine e nutrienti naturali. Come rimediare?

Ci sono alcune sostanze che si possono trovare nei migliori integratori multivitaminici per il cambio di stagione invernale. Una di queste è la spirulina: si tratta di una microalga di colore verde-azzurro che si trova nei mari tropicali e che aiuta l’organismo ad eliminare le tossine fornendo antiossidanti e tonificando l’intero sistema immunitario. L’azione di antinvecchiamento cellulare la rende un prezioso alleato per affrontare le temperature rigide dell’inverno. Se volete evitare di avere mani e labbra screpolate quando vi esponete al freddo, assumere un integratore vitaminico a base di spirulina è sicuramente utile.

Un altro ingrediente ricorrente negli integratori naturali per l’inverno è la pianta del Noni. Gli effetti benefici di questo prodotto erano noti alle popolazioni tropicali già nei tempi antichi. Oggi le case produttrici di integratori di vitamine ne sfruttano le potenzialità antidolorifiche e stimolanti per l’organismo ma, soprattutto, per il sistema immunitario, messo duramente alla prova dai primi freddi. Il silicio apporta un aiuto concreto alle ossa e alle articolazioni e serve a combattere problemi di artrite. Infine la vitamina C e la vitamina D3 servono a potenziare le difese immunitarie anche quando si hanno meno occasioni per esporsi ai raggi solari.

Ovviamente lo stile di vita ideale per l’inverno richiede di abbinare l’assunzione di integratori alimentari ad una alimentazione equilibrata e ad una costante attività sportiva. Bisogna da ultimo ricordare che non tutti gli integratori vitaminici sono uguali: la qualità è fondamentale per evitare di acquistare prodotti inutili o addirittura dannosi.

GUNA è un’azienda che si occupa di medicina alternativa, farmaci, integratori e prodotti omeopatici. Il suo impegno da anni si concentra sulle terapie d’avanguardia, che si basano sui principi delle cure naturali, con farmaci e integratori composti soltanto da sostanze del tutto genuine e senza l’aggiunta di composti chimici.

La ricerca condotta negli ultimi anni, anche presso i Laboratori GUNA che promuovono le bio tecnologie e il basso dosaggio, permettono di curare diverse patologie in modo innovativo ma basandosi su antichi principi omeopatici, che valgono anche ai giorni nostri. Il principio è chiamato “Low Dose Medicine” e si fonda sul rispetto per la salute dell’uomo, che deve essere in armonia con l’intero panorama naturale.

Read More →

intervento di mastoplastica riduttiva effettuato nella clinica di Torino

Mastoplastica riduttiva cos’è?

 

La mastoplastica riduttiva è un’intervento chirurgico che permette di modificare le forme del proprio seno.

La mastoplastica riduttiva è particolarmente indicata per tutte le donne con un seno troppo abbondante e cascante, e per coloro che presentano un asimmetria mammaria.

In quest’articolo voglio raccontarvi i vari passaggi a cui mi sono sottoposta nel mio intervento di mastoplastica riduttiva nella città di Torino. Read More →

Soecialista di MAstopessi con studio a Firenze

Vi chiedete perché ho scelto Firenze per il mio intervento di mastopessi?

Ecco tutte le risposte che riguardano e motivano la mia scelta.

 

Uno specialista di mastopessi a Firenze

 

Come prima cosa, ho scelto la mastopessi offerta a Firenze in quanto ho potuto fare affidamento su Pietro Campione, ovvero uno dei migliori chirurghi presenti nella città, il quale mi ha permesso di poter entrare in un mondo dove la paura risulta essere assente.

Il primo colloquio è stato molto istruttivo, visto che il medico mi ha spiegato in cosa consiste questa particolare tipologia di intervento, cosa che mi ha permesso di comprendere quali fossero i dettagli sul determinato intervento.

Ma ovviamente, questo particolare dettaglio non è il solo che mi ha permesso di effettuare la scelta della città di Firenze per quanto riguarda l’intervento di mastopessi.

Effettuare un intervento di Mastopessi a Firenze

Il sito del chirurgo estetico di Firenze

 

Il sito web del dottor Campione, suggerito dallo stesso chirurgo, mi ha permesso di poter essere maggiormente sicura.

Questo per un semplice fatto: sulla piattaforma sono stati spiegati tutti i procedimenti, con tanto di foto e video, che riguardano tale intervento.

Ovviamente, con questo aiuto, sono riuscita ad essere maggiormente sicura del tipo di medico al quale rivolgermi.

Inoltre, posso aggiungere che, nella piattaforma, sono presenti anche le opinioni degli altri clienti, che mi hanno convinta maggiormente, visto che il sito stesso mi ha permesso di conoscere le impressioni delle altre persone, che sul dottor Campione sono state sempre positive e semplici da capire.

Ecco perché ho scelto questo particolare medico e la città di Firenze: inoltre, devono aggiungere che la mastopessi è stata effettuata da un medico veramente esperto, il quale ha operato seguendo tutte le norme di precauzione ed ha evitato che io potessi andare incontro a delle situazioni tutt’altro che semplici da affrontare.

Il centro estetico di Firenze ha rappresentato la miglior scelta che io potessi fare e, ancora oggi, posso dire di essere felice di essermi rivolta a questo grande professionista.

Inoltre, i prezzi proposti, risultano essere abbastanza modesti, altra motivazione che mi ha convinta a sottopormi ad un intervento di mastopessi nella città di Firenze, presso la clinica estetica del dottor Campione.

paradontologiaFra le cause più diffuse della perdita dei denti c’è sicuramente la parodontite, anche detta “piorrea”. Si tratta di una malattia infettiva caratterizzata da una forte presenza di placca batterica. Quest’ultima può provocare la recessione della gengiva o la creazione di tasche parodontali (spazi che si formano a causa della regressione dell’osso, lungo la radice).

La parodontite va curata tempestivamente, per evitare la progressiva perdita dei denti. Come fare? Bisogna contattare un buon dentista e sottoporsi ad un trattamento chirurgico, per rimuovere i batteri dalle tasche. Fatto ciò, i denti saranno salvi. In questo articolo, scritto grazie alle informazioni forniteci dal dentista di Palermo Antonino Messina, alcune dritte su come gestire al meglio l’eventuale perdita dei denti. Read More →

Lo stress è tra le principali cause di alopecia di natura non ereditaria. Ecco come proteggere i propri capelli quotidianamente

Prima di analizzare e vagliare possibili rimedi per la caduta dei capelli, è necessario individuare i fattori che causano la comparsa dell’alopecia. Esistono, infatti, diversi tipi di calvizie, cui corrispondono cure e soluzioni dissimili. Non tutti, infatti, sanno che una delle cause della perdita dei capelli trova spiegazioni di natura ambientale. In particolare, sebbene non vi siano rilevanze scientifiche ufficiali, è pressoché innegabile che vi sia una diretta correlazione fra stress e caduta dei capelli.

La relazione tra stress e caduta dei capelli

La perdita di capelli dovuta al perdurare di uno stato emotivo di ansia e stress è definita alopecia psicogena. Si tratta di un disturbo di natura psicosomatica che genera effetti negativi sul benessere del cuoio capelluto, dei follicoli piliferi e degli stessi capelli. Secondo le ultime ricerche di settore, lo stress causa una serie di scompensi ormonali che coinvolgono i processi funzionali dell’ipofisi e dell’ipotalamo i quali, alterando la corretta produzione di cheratina, fibre e sebo, causano un diradamento e un assottigliamento dei capelli.

A prescindere che si tratti di fenomeni di origine endogena o esogena, la caduta dei capelli si configura quale mezzo di espressione di un disagio di natura psicologica. La calvizie da stress non va confusa con altri tipi di alopecia dovuti a disturbi del comportamento, come la tricotillomania, per i quali occorre affrontareun percorso di natura cognitivo-comportamentale.

Come riconoscere l’alopecia da stress

L’alopecia da stress interessa sia uomini che donne. Distinguere la perdita di capelli dovuta allo stress da quella androgenetica (dovuta, cioè, a fattori ereditari) non è semplice poiché i sintomi sono simili. Dal punto di vista esterno, la calvizie da stress si manifesta allo stesso modo di quella cicatriziale (ovvero, dovuta a fattori genetici e, in quanto tale, irreversibile), cioè tramite perdita e diradamento dei capelli, produzione eccessiva di sebo, infiammazioni del cuoio capelluto, prurito.

Diversi sono però gli effetti dal punto di vista biologico: i follicoli piliferi, nel caso di alopecia da stress, non risultano compromessi nel loro funzionamento di base. L’unica vera soluzione diagnostica, dunque, consiste nell’avvalersi di una visita tricologica.

Rimedi

Curare l’alopecia da stress prevede un percorso lungo e complicato. I soggetti caratterizzati da una forte predisposizione all’ansia, infatti, difficilmente possono eliminare del tutto il problema dal punto di vista psicosomatico. per tale ragione, risulta spesso necessario un percorso terapico basato sull’utilizzo di specifici farmaci. Tra i prodotti più utilizzati vi sono i medicinali per la riduzione del sebo in eccesso. Una soluzione più intensiva, sebbene anche più invasiva, consiste negli specifici trattamenti laser, che agiscono sulla stimolazione nervosa dei bulbi piliferi.

In ogni caso e per ogni tipologia di alopecia, è sempre altamente consigliato eseguire un esame del capello, per analizzare in modo immediato lo stato di salute di cuoio capelluto, cute e capelli.

cataratta

Cos’è la cataratta.

La cataratta è una patologia che solitamente interessa soggetti che hanno oltre 60 anni. Comporta l’opacizzazione della lente che si ha all’interno dell’occhio, impedendo a questa di mettere a fuoco ciò che guarda.

Dopo i 40 anni, il cristallino pian piano si indurisce e inizia perdere di elasticità, man mano che si va avanti con l’età diventa sempre più opaco, ecco che si parla di cataratta. Questa purtroppo comporta in buona parte la perdita della vista, in alcuni casi dove il problema è molto avanzato,si può arrivare anche alla cecità.

Per i tuoi esami cerca l’IGOR Point più vicino, gli unici che possono darti la refertazione oculistica online 

Come si manifesta.

catarattaLa cataratta si manifesta lentamente senza causare nessun tipo di dolore. Non sempre si presenta subito in entrambi gli occhi, ma il secondo viene interessato in seguito.
Il disturbo visivo della cataratta all’inizio è una sensazione di fastidio nel mettere a fuoco oggetti se sono sotto delle luci intense.
La vivacità dei colori perde di intensità e qualche volta si ha difficoltà proprio a distinguere questi.

In giovane età.

Anche se più difficile, purtroppo la cataratta può colpire l’età più giovane. Questa malattia però, si presenta quando di fondo esistono altre problematiche metaboliche quali: diabete.

Le probabilità infatti, che un problema come il diabete possa causare l’insorgere della cataratta, purtroppo è molto alta, inoltre in questi casi il problema si presenta subito in entrambi gli occhi.

la cataratta può essere causata non solo dal diabete purtroppo, ma anche da altre patologie che già riguardano il problema oculare, come ad esempio il distacco della retina o il glaucoma.

Come si cura.

Non esiste nessuna cura farmacologica che possa far guarire dalla cataratta. L’unica soluzione, quando la salute generale del paziente lo permette, è l’intervento chirurgico. Quello tradizionale, prevede un anestesia locale eseguita tramite iniezioni, un taglio di circa dieci millimetri, l’asportazione del cristallino e qualche punto di sutura.

La durata di questo intervento è di circa quaranta minuti, inoltre prevede la degenza del paziente di un paio di giorni in ospedale.

Un altro metodo più recente è la mirco-chirurgia, si esegue direttamente in ambulatorio, anestetizzando l’occhio con qualche goccia di collirio, una piccola incisione di circa quattro millimetri e la sostituzione del cristallino opacizzato con uno artificiale.

La durata di questo intervento dura circa 15 minuti e ha il vantaggio di garantire un recupero immediato della vista.
Quando entrambi gli occhi necessitano dell’operazione, gli interventi vengono distanziati di circa 15 giorni l’uno dall’altro.

Quali sono i rischi.

Nonostante sia un operazione molto celere, esiste se pur raramente, la possibilità che possano sorgere delle complicazioni che potrebbero compromettere la vista addirittura in modo permanente.

I rischi post operatori, anch’essi molto rari, possono presentarsi se causati da infiammazione o infezione. Per tale motivo è fondamentale affidarsi a medici altamente qualificati.

Poltrone Elettriche per Anziani e Disabili

Le poltrone elettriche sono dotate di un sistema motorizzato che consente all’utente di regolare lo schienale e di alzarsi dalla poltrona in tutta facilità e per questo motivo si rivelano molto utili per i soggetti anziani o disabili con ridotte capacità motorie.

 

Modelli a motore singolo e a motore doppio

 

In commercio esistono molteplici tipologie di poltrone elettriche per anziani e disabili dalle caratteristiche e funzionalità differenti.

La prima differenza da prendere in considerazione quando si desidera acquistare una poltrona elettrica è quella del numero di motori.

Se la poltrona elettrica con un motore che regola il movimento dello schienale e della pediera, la posizione di entrambi sarà prestabilita e non sarà possibile personalizzarne il rapporto di inclinazione.

Nel caso invece si opti per una poltrona elettrica a due motori, sarà possibile scegliere l’inclinazione della pediera e dello schienale, in quanto è regolata da due motori indipendenti tra loro, come ad esempio il modello Torriana offerto da Poltronesofà.

Poltrone elettriche: scegliere il rivestimento

 

Quando si deve acquistare una poltrona elettrica è importante scegliere con attenzione il tipo di rivestimento in base alle proprie esigenze.

Il rivestimento in tessuto, ad esempio, offre il vantaggio di conferire al corpo dell’utente una sensazione di fresco nei periodi caldi e di caldo nelle stagioni fredde e per questo può risultare più confortevole per chi la utilizza anche se il tessuto è più difficile da pulire.

Le migliori Poltrone Alzapersona

In commercio esistono inoltre i rivestimenti in pelle che, invece, offrono il vantaggio di essere più facili da pulire e più eleganti.

Qualunque sia il materiale scelto è importante che il modello sia “sfoderabile“, così da consentire di lavare periodicamente il rivestimento.

 

Gli optional e i modelli di poltrone elettriche

 
Vi sono in commercio poltrone elettriche dotate di massaggiatori vibranti, di ruote, o di altri accessori aggiuntivi.

Le poltrone con motore massaggiante permettono all’utente di godere di ulteriore relax grazie ai vibromassaggiatori regolabili riposti sotto il rivestimento e sono particolarmente consigliate per coloro che hanno problemi circolatori.

Tra i vari tipi di modelli di poltrone elettriche massaggianti troviamo quello Wiki, offerto da Poltronificio RC.

Tra gli altri optional più comuni, troviamo le ruote, ideali per spostare la poltrona da una stanza ad un’altra.

In questo caso però, sarà necessario fare attenzione: le ruote dovranno essere retraibili, in modo che non siano a contatto con il pavimento quando l’utente è seduto sulla poltrona, evitando così che si sposti durante l’alzata o la seduta.

Quanto Costano le Lenti a Contatto

Esistono diverse tipologie di lenti a contatto in commercio, ad esempio morbide, rigide e quelle chiamate ibride, le quali hanno la parte centrale rigida e quella periferica morbida.

Si parla di lenti giornaliere, settimanali, quindicinali e mensili.

Addirittura trimestrali, semestrali e annuali.

 

Il costo delle lenti NON si basa sulla gradazione

 

Si può pensare che il costo delle lenti a contatto possa variare a seconda della miopia o astigmatismo.

Ma non è così, in quanto ne esistono anche morbide colorate, senza gradazione alcuna.

Queste tipologie di lenti si possono acquistare senza nessuna prescrizione di un optometrista o oculista.

Due tipi di lenti colorate, quelle intensificanti che rendono l’occhio molto luminoso e quelle opache che ne cambiano completamente il colore.

Queste tipologie possono essere usate da tutti, (salvo controindicazioni patologiche), semplicemente per il piacere di cambiare ogni tanto il colore dell’iride dell’occhio.

 

Le lenti a contatto un costo accessibile a tutti

 

Il costo ovviamente varia a seconda della loro lavorazione.

Non esiste un costo fisso.

Alcuni possono preferire quelle giornaliere per una questione di igiene, a quelle annuali, anche se alla fine il costo diventa similare.

Rispetto a qualche anno fa che i costi erano davvero elevati.

Si parte da un minimo di €10 circa, dipende sempre dalla tipologia di lente a contatto con diverse caratteristiche.

Certo se si fa un paragone con un occhiale da vista, il costo annuale speso per le lenti a contatto è sicuramente più alto.

 

Chi decide il costo delle lenti a contatto

 

Ogni optometrista decide in totale autonomia il costo della lente che produce, valutando attentamente le richieste di ogni suo cliente.

Nasce una differenza però, tra negozio e web, infatti è possibile acquistarle online dove sicuramente il prezzo è notevolmente più basso dell’acquisto che si fa in un negozio in città.

 

Quali sono i fattori che ne determinano il costo

 

Ne determinano il costo, il materiale che viene usato, dalla qualità dello stesso.

Se vengono acquistate da un fornitore, la quantità dell’acquisto fa sicuramente la differenza.

Dai modelli che vengono scelti.

Ad esempio quelle quindicinali sono le più consigliate e il costo è minore di 200 euro l’anno.

Dalla personalizzazione della lente a contatto a seconda dell’esigenze del cliente.

La pulizia della lente stessa, ha un costo diverso a seconda della soluzione salina che si sceglie.

Mma di quelle non se ne può proprio fare a meno, in quanto l’igiene è la prima cosa, vista la delicatezza dell’occhio.